Risultati

Il Life 120 è un nuovo modo per affrontare la vita, una nuova consapevolezza che pone il corpo ed il benessere al centro delle nostre priorità. Fino ad oggi abbiamo demandato tale compito alla medicina ufficiale, pensando che fosse la più titolata nella cura della nostra salute e del nostro benessere. Abbiamo sbagliato! Ci siamo fatti prendere in un tourbillon di situazioni, dalla vita frenetica e dal lavoro, come se la salute non meritasse la nostra attenzione. È cresciuta in noi l’errata consapevolezza che salute e futuro fossero in balia di un’ineluttabile destino, immodificabile, nonostante tutti gli sforzi che potessimo fare per migliorare alimentazione e stile di vita. La falsa prospettiva è stata alimentata dall’inefficacia della “dieta mediterranea” sull’incidenza delle malattie moderne, la quale ci ha privato di quei risultati necessari a sostenere psicologicamente una modifica sostanziale della nostra alimentazione. Se mangiare meno, in pratica, non risolve il rischio complessivo di ammalarsi di tumore o malattie degenerative, per quale motivo bisogna privarsi di un piacere immediato, per ottenere un risultato incerto per il domani? La bella notizia è, che non bisogna privarsi del gusto di mangiare, né tanto meno soffrire la fame, ma semplicemente eliminare dalla nostra dieta alcuni alimenti, integrando nel contempo, in maniera efficace, i micronutrienti mancanti. Nessuno dovrà più convincervi che le malattie dipendono dal nostro Dna, rendendoci inermi e subendo senza lottare, la stessa sorte dei nostri genitori. Il corpo ha tutte le risposte e le soluzioni per non farvi ammalare, facendovi vivere fino a 120 anni in ottima salute. La brutta notizia è, che da oggi, non avete più una scusa per non prendervi cura del vostro futuro, demandandolo ai “camici bianchi”. Se mangerete “cibi sbagliati”, non integrerete correttamente, e fa rete la giusta attività fisica, già conoscete il vostro infausto futuro. Con un simile approccio, non dovete incolpare il destino, assumendovi tutte le responsabilità delle vostre scelte. La consapevolezza deve essere per voi una rinascita! Da oggi in poi, prenderete in mano la vostra vita. Un nuovo per corso pieno di soddisfazioni e risultati, fino ad oggi impensabili, non saranno più chimere irraggiungibili. Osserverete cambiare il vostro corpo, dal punto di vista fisico, della salute, riassaporando un generalizzato benessere. Per raggiungere dei risultati tangibili, sarà sufficiente sperimentare “questo metodo” per trenta giorni. Trarrete da soli le vostre valutazioni.

Fisico

Probabilmente alcuni di voi avranno rinunciato da tempo ad avere un fisico scolpito (la classica tartaruga sugli addominali), credendo che superati i quarant’anni non è più possibile raggiungere un tale risultato. Quante volte c’è stato detto che il nostro metabolismo è cambiato e quindi, non avendo raggiunto risultati plausibili da giovani, inutile tentare di raggiungerli da adulti. Niente di più errato! Iniziando il percorso Life 120, si torna a sperare in questi risultati, perché nella realtà essi non solo sono possibili, ma facilmente raggiungibili. Per il corpo, cambiando alimentazione ed integrandolo corretta mente, inizia la fase di ricostruzione della massa muscolare e della matrice extracellulare. Questo genera una definizione muscolare (ovviamente visibile dopo aver raggiunto il giusto peso e dopo aver fatto un corretto allenamento), un aumento della consistenza dei muscoli (diventano più duri) e un rassodamento della pelle (attenuazione delle rughe). Per quanto riguarda il viso, riscontrerete (fin dal primo mese) una diminuzione del gonfiore e, con il passare del tempo, un riempimento dello stesso. Il colore della pelle diventerà più roseo ed uniforme. I capelli aumenteranno di spessore, di numero (minor caduta) e il colore diventerà più intenso. Se avete dei capelli bianchi, noterete una diminuzione del loro numero (se in fase iniziale) o un ingrigimento dei capelli bianchi. Complessivamente otterrete un aspetto più giovane e meno stanco, a tal punto, che vi sorprenderete di quante persone vi chiederanno cosa avete fatto o semplicemente, si complimenteranno con voi. A riguardo del dimagrimento, i risultati sono ancora più evidenti. Il primo mese potrete perdere dai 4 ai 10 chilogrammi (in base al peso iniziale); dal secondo al quarto mese perderete dai 2 ai 4 chilogrammi. Successivamente il calo si attesterà da mezzo chilo ai 2 chili ogni mese (ciò dipenderà anche dall’attività fisica che praticherete). L’ultimo periodo durerà i mesi necessari per condurvi al peso ideale (con definizione dei muscoli addominali). Fin dall’inizio noterete una diminuzione del volume del corpo, dovuta alla perdita di massa grassa (perdita grasso), sostituita dalla massa magra (matrice e muscoli). Tale fase potrebbe durare anche quattro o cinque anni (in base al peso che dovete perdere). Il nuovo percorso alimentare, e lo sperimenterete, non vi costerà fatica, non essendo una dieta rigida ed in compenso, vi permetterà di non prendere mai più i chili persi.

Mente

Sappiamo che il 25% della popolazione soffre di stati depressivi. Una percentuale ancora più grande, anche se non è vittima della depressione, non è in grado di gestire le proprie emozioni. Lo stress a cui siamo sottoposti quotidianamente, condito con un’insolita insoddisfazione latente, ci rende nervosi, iperattivi e alla mercede dei pensieri negativi. Ci siamo sempre giustificati affermando che la vita intorno a noi è cambiata radicalmente, non permettendoci di mantenere la calma in un mondo di matti. Anche se in parte ciò è vero, va considerato che il nostro modo di reagire di fronte ad uno stimolo negativo, dipende dalla nostra condizione mentale e fisica. Per la verità, è il nostro stato d’animo che ci induce a proiettare all’esterno le frustrazioni, le incertezze, le paure, facendocela prendere molte volte con chi non lo merita. Tale atteggiamento, spesso causa reazioni altrettanto emotive (come di fronte ad uno specchio) da parte di chi ha subito le nostre angherie, che spinge le persone a vivere un “ping pong di emozioni negative”. Come abbiamo visto nel capitolo dei neurotrasmettitori (rif. pag. 445), le nostre “depressioni” dipendono: dalla nostra alimentazione a base di cereali e zuccheri, dalla carenza di sostanze nutritive e dall’intervento del cortisolo. Cosa aspettarsi dal Life 120 per la nostra mente? Dopo alcuni giorni dall’aver iniziato il nuovo stile di vita (alimentazione ed integrazione), noterete una calma inattesa pervadere il nostro corpo e, con il passare del tempo, i nostri pensieri saranno meno malinconici e poco angosciati. Non saremo più preda di fasi alterne tra benessere e malessere psichico. Incominceremo a dedicare il giusto tempo alle cose (tanto non ci corre dietro nessuno), dando ad ognuna di esse, la giusta importanza. Incominceremo a vivere il nostro tempo, senza più subirlo. Noteremo che le persone intorno a noi sono più agitate e stressate del solito. Faremo caso alle reazioni eccessive della gente; alle loro risposte sovraeccitate anche quando affrontano problemi banali, come se il mondo non fosse più in grado di comunicare pacificamente. Quelli che sono cambiati non sono loro, ma noi e, solo allora ci accorgeremo della condizione psicologica nella quale eravamo impantanati. In quel momento preciso saremo consapevoli del nostro effettivo cambiamento, al quale non potremo più rinunciare.

Salute

I più importanti cambiamenti del Life 120 si riscontreranno dal punto di vista della salute. Durante la vita impariamo a convivere con i problemi di salute, con i dolori in modo particolare. Difatti quando subiamo per troppo tempo dei dolori, arriviamo a pensare che sia normale, senza preoccuparci più di tanto. Se abbiamo un dolore al ginocchio, diamo la colpa alla vecchiaia e tiriamo avanti. Tale modalità ci ha portato a sommare giorno dopo giorno, i nostri problemi (l’esempio della rana nella pentola), come se dessimo per scontato che non ci fosse soluzione, rinunciando per sempre a quel benessere che percepivamo prima dell’evento negativo. Con il Life 120 si può cambiare, tornando ad uno stato di salute migliore, riappropriandosi del benessere fisico, oggi dimenticato. Cosa aspettarsi concretamente per la nostra salute? Iniziare il regime alimentare integrando correttamente il nostro corpo, avrà degli effetti incredibili. Vediamone alcuni. Per quanto riguarda i problemi dentari, consiglio di fare una bella pulizia dal dentista (che sarà probabilmente l’ultima della vostra vita), in modo da eliminare la placca presente sui denti. Dopo di ché, dimenticheremo problemi come carie e placche, perché la nuova alimentazione non permetterà la crescita di batteri nocivi. Lo stesso accadrà per problemi quali la gengivite o l’alito cattivo. Nella digestione riscontreremo un’insolita capacità operativa, senza più problemi di acidità di stomaco, gonfiori post prandiali, fitte all’intestino o qualsiasi altro tipo di malessere. L’intestino e le funzioni di evacuazione, subiranno un cambiamento epocale. Risolveremo in pieno il problema della stitichezza Nelle intolleranze alimentari noteremo con stupore che dopo qualche mese i cibi, che fino a quel momento ci avevano creato problemi di allergia o di intolleranza, torneranno ad essere assimilati correttamente, senza conseguenze per la nostra salute. Nei dolori articolari registreremo una loro riduzione ed una conseguente diminuzione degli eventi infiammatori, legati ai legamenti muscolari o alle cartilagini (ad opera dell’artrosi e dell’artrite). Il problema dell’emicrania riscontrerà forti giovamenti, con una diminuzione degli eventi e della loro intensità. A riguardo degli stati influenzali quale febbre, tosse, naso chiuso e mal di gola, noteremo una maggiore capacità dell’organismo a difendersi. Se prima, ad ogni colpo di freddo (cambio di temperatura), esso c’induceva allo starnuto, ciò non avverrà più. Il malessere sarà solo un ricordo e se dovesse riaffiorare, sarà passeggero e non ci obbligherà ad assumere medicine per alleviarne i sintomi. Per quanto riguarda gli aspetti del nostro metabolismo, otterremo effetti sorprendenti: diminuzione delle Ldl e contestuale aumento delle Hdl, diminuzione della pressione arteriosa, diminuzione dei livelli di proteina C reattiva (livelli d’infiammazione), una maggiore fluidificazione del sangue, un livello di glucosio nel sangue più basso (emoglobina glicosata), una maggior quantità di vitamina D. Tali risultati sarà possibile riscontarli con delle apposite analisi, valutandoli in maniera autonoma.