BLOG SALUTE

Ricerca: le prugne secche rallentano la perdita ossea e la comparsa dell'osteoporosi

Diversi studi recenti hanno confermato ciò che la medicina tradizionale orientale ha conosciuto da secoli: le prugne secche hanno la capacità di prevenire e addirittura invertire la perdita ossea che può verificarsi con l’avanzare dell’età o come conseguenza della menopausa nelle donne. I ricercatori della Florida State University hanno testato 236 donne che erano in menopausa da uno o dieci anni. Le donne sono state divise a caso in due gruppi. Un gruppo è stato trattato con 100 grammi di prugne secche al giorno, mentre l’altro gruppo è stato trattato con 100 grammi di mele essiccate al giorno, per un anno. Dopo aver fatto la scintigrafia ossea a tre mesi, sei mesi e dodici mesi, i ricercatori hanno scoperto che il gruppo trattato con le  prugne secche mostravano significativamente maggiore densità minerale ossea delle donne che avevano consumato le mele secche, nello stesso periodo.

Prima del processo, ogni tre mesi e dopo il periodo di dodici mesi, le donne sono state testate per la resistenza ossea, l’attività fisica, i livelli ematici di densità ossea e markers del turnover osseo, insieme ad altri segni di salute delle ossa. Biomarkers come la fosfatasi alcalina e livelli di fosfatasi-5b tartrato resistente, erano significativamente più bassi nel gruppo trattato con le prugne secche. Questi fattori indicano una riduzione della perdita minerale ossea e riduzione della perdita di massa ossea. La ricerca è stata guidata dal dottor Bahram Arjmandi, professore e presidente del Florida State’s Nutrition, Food and Exercise Sciences Department. Il dottor Arjmandi ha commentato: ” Le prugne secche sono il frutto più osso-friendly che ho visto in decenni. Esse sono la soluzione della natura per mantenere una buona salute delle ossa. Nel corso della mia carriera ho testato numerosi frutti, tra cui fichi, datteri, fragole e uva passa e nessuno di loro ha avuto l’ effetto sulla densità ossea, che hanno le prugne secche”. Le prugne contengono una varietà di sostanze nutritive, come la vitamina K, potassio, rame e boro. Secondo il dottor Arjmandi, queste sostanze lavorano in sinergia per prevenire la perdita minerale ossea, che può portare a osteoporosi. Il dottor Arjmandi ha anche scoperto che le prugne della California sembrano fornire alcuni dei migliori livelli di nutrienti.

 

Fonte: Medi Magazine



Le Malattie Moderne