BLOG SALUTE

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 905

Assumere troppo zucchero causa l'insufficienza cardiaca

Troppo zucchero può portare ad insufficienza cardiaca, secondo uno studio condotto da ricercatori presso l’Università del Texas Health Science Center a Houston (UTHealth). Una sola piccola molecola, il glucosio etabolita 6-fosfato (G6P), è causa di stress per il cuore e porta a insufficienza cardiaca, secondo lo studio, che è stato pubblicato nel numero del 21 maggio del Journal of American Heart Association . G6P può accumularsi a causa di assunzione di troppo amido e / o zucchero. L’insufficienza cardiaca uccide 5 milioni di americani ogni anno, secondo il Centers for Disease Control. Il tasso di sopravvivenza a un anno dalla diagnosi è del 50 per cento e ci sono 550.000 nuovi pazienti negli Stati Uniti, con diagnosi di insufficienza cardiaca, di ogni anno.

“Il trattamento è difficile. I medici possono prescrivere diuretici per controllare i liquidi, beta-bloccanti e gli ACE-inibitori che riducono lo stress sul cuore e gli permettono di pompare meglio”, ha detto Heinrich Taegtmeyer, ricercatore principale e professore di cardiologia presso la UT Health Medical School. ”Ma abbiamo ancora queste statistiche terribili e nessun nuovo trattamento negli ultimi 20 anni è stato trovato.” Taegtmeyer ha eseguiti studi preclinici in modelli animali, così come prove su tessuti prelevati da pazienti presso il Texas Heart Institute, ai quali è stato impiantato un dispositivo di assistenza ventricolare.Gli studi su entrambi, hanno portato alla scoperta del danno causato da G6P. “Quando il muscolo cardiaco è già affaticato da pressione alta o altre malattie, in presenza di troppo glucosio, si aggiunge il danno alla beffa”, ha detto Taegtmeyer. Lo studio ha aperto le porte a possibili nuovi trattamenti. Due farmaci, la rapamicina (un immunosoppressore) e metformina (un farmaco per il diabete) interrompono la segnalazione di G6P e una provocano una migliore potenza cardiaca in piccoli studi su animali. “Questi farmaci hanno dimostrato un vero potenziale per il trattamento dell’insufficienza cardiaca, anche se limitare l’assunzione di troppi zuccheri può essere significativo in termini di prevenzione”, ha spiegato il prof. Taegtmeyer. Lo studio è stato sostenuto in parte da sovvenzioni dal National Institutes of Health.

Fonte: Medi Magazine

Le Malattie Moderne