BLOG SALUTE

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 905

La melatonina può ridurre il rischio di cancro alla prostata

Più alti livelli di melatonina, un ormone coinvolto nel ciclo sonno-veglia, possono suggerire una diminuzione del rischio di sviluppare il cancro della prostata avanzato, secondo i risultati presentati alla AACR-Prostate Cancer Foundation Conference on Advances in Prostate Cancer Research, tenutosi il 18-21 gennaio 2014. La melatonina è un ormone che viene prodotto esclusivamente di notte al buio ed è un risultato importante del ritmo circadiano. Molti processi biologici sono regolati dal ritmo circadiano, tra cui il ciclo sonno-veglia. La melatonina può svolgere un ruolo nella regolazione di una serie di altri ormoni che influenzano alcuni tumori, tra cui tumore del seno e della prostata.

“La perdita di sonno e altri fattori possono influenzare la quantità della secrezione di melatonina o bloccarla del tutto.Problemi di salute associati con un bassi livelli di melatonina, interrotti dal sonno e / o interruzione del ritmo circadiano, sono ampi e comprendono anche un potenziale fattore di rischio di cancro”, ha spiegato Sarah C. Markt, MPH, dottorando presso il Dipartimento di Epidemiologia alla Harvard School of Public Health di Boston. ”Abbiamo trovato che gli uomini con più alti livelli di melatonina, avevano un 75 per cento di riduzione del rischio di sviluppare il cancro della prostata avanzato rispetto agli uomini che avevano livelli più bassi di melatonina”. Per studiare l’associazione tra i livelli urinari del prodotto principale di ripartizione della melatonina, 6-sulfatossimelatonina e il rischio di cancro alla prostata, Markt e colleghi hanno condotto uno studio su 928 uomini islandesi, tra il 2002 e il 2009. Hanno raccolto campioni di urina del primo mattino e chiesto ai partecipanti di rispondere ad un questionario sui modelli di sonno.

I ricercatori hanno scoperto che uno su sette uomini hanno segnalato problemi ad addormentarsi, uno su cinque uomini hanno segnalato problemi di continuità del sonno e quasi uno su tre hanno riferito di assumere farmaci per dormire. Il valore mediano di 6-sulfatossimelatonina nei partecipanti allo studio era di 17,14 nanogrammi per millilitro di urina. Gli uomini che hanno riferito l’assunzione di farmaci per il sonno, problemi ad addormentarsi e problemi a mantenere il sonno, avevano livelli significativamente più bassi di 6-sulfatossimelatonina, rispetto agli uomini senza problemi di sonno, secondo Markt. Tra i partecipanti allo studio, 111 uomini sono stati diagnosticati con cancro alla prostata, di cui 24 con malattia avanzata. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini i cui livelli di 6-sulfatossimelatonina erano superiori al valore mediano, avevano avuto un riduzione 75 per cento del rischio di carcinoma della prostata avanzato. “Sono comunque necessari ulteriori studi prospettici per indagare l’interazione tra durata del sonno, disturbi del sonno e livelli di melatonina sul rischio per il cancro alla prostata”, ha concluso Markt.

Pubblicato su American Association for Cancer Research (AACR) via Science Daily 

Fonte: Medi Magazine

Le Malattie Moderne