BLOG SALUTE

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 905

Ricerca genetica chiarisce il legame tra pressione alta e carenza di vitamina D

Uno studio genetico su larga scala che coinvolge più di 155.000 persone ha permesso ai ricercatori di scoprire il nesso causale tra l’ipertensione e la carenza di vitamina D. I risultati forniscono una forte necessità di assunzione di vitamina D per prevenire alcuni tipi di malattie cardiovascolari. Bassi livelli di vitamina D possono provocare ipertensione, secondo il più grande studio del mondo che ha esaminato l’associazione causale tra i due fattori. Anche se gli studi osservazionali hanno già dimostrato questa associazione, uno studio genetico su larga scala è stato necessario per provare la causa e l’effetto. I risultati saranno presentati oggi, alla conferenza annuale della Società Europea di Genetica Umana (ESHG) .

Il Dr. Vimal Karani S, dall’ Institute of Child Health, University College di Londra, ha spiegato: ”Sapevamo da precedenti studi osservazionali che basse concentrazioni di vitamina D erano suscettibili di essere associate a un aumento della pressione sanguigna e ipertensione, ma la correlazione non è causalità. Inoltre, gli studi randomizzati controllati di vitamina D negli esseri umani, hanno prodotto effetti contraddittori sugli esiti cardiovascolari. L’intero quadro è stato un po ‘confuso e abbiamo deciso di provare a capirlo una volta per tutte.”

I ricercatori hanno utilizzato varianti genetiche note come polimorfismi a singolo nucleotide, o SNP, come indicatori proxy per riflettere lo stato della vitamina D dell’individuo al fine di testare un’ associazione causale tra lsa pressione sanguigna e l’ipertensione. Quando sono stati analizzati i risultati, i ricercatori hanno trovato un legame significativo: per ogni aumento del 10%di vitamina D, c’è stata una diminuzione del 8,1% del rischio di sviluppare ipertensione.

“Anche con la probabile presenza di fattori di “confusione” non osservati,” ha spiegato il Dott. Karani S, “l’approccio che abbiamo seguito, conosciuto come randomizzazione mendeliana, ci permette di trarre conclusioni circa la causalità perché l’influenza genetica sulla malattia non è influenzata da fattori confondenti. A dirla in termini semplici, utilizzando questo approccio possiamo determinare la causa e l’effetto ed essere abbastanza sicuri che siamo arrivati ??alla conclusione di questo argomento. ” Le più note manifestazioni della carenza di vitamina D sono il rachitismo e le malattie ossee dell’infanzia, dove le ossa lunghe sono indebolite dalla carenza e iniziano a piegarsi. Recentemente, tuttavia, la vitamina D è stata implicata in un certo numero di altre condizioni non-scheletriche correlate, ma studi che coinvolgono la supplementazione hanno dato risultati contrastanti.

“Il nostro studio suggerisce che alcuni casi di malattie cardiovascolari possono essere prevenuti attraverso l’assunzione di integratori di vitamina D o fortificazione alimentare,” dice il Dott. Karani S. “I nostri nuovi dati forniscono ulteriore supporto agli importanti effetti non scheletrici della vitamina D. Ora intendiamo continuare questo lavoro per esaminare la relazione causale tra lo stato della vitamina D e altri esiti correlati alla malattia cardiovascolare quali, ad esempio, il colesterolo, marcatori infiammatori come la proteina C-reattiva, il diabete di tipo 2 e marcatori del metabolismo del glucosio . Crediamo che abbiamo ancora molto da scoprire circa l’effetto della carenza di vitamina D per la salute e ora sappiamo che abbiamo gli strumenti per farlo “.

Fonte: Medi Magazine

Puoi trovare e ordinare Vitalife D chiamando lo 06 62286090 o cliccando qui

LEGGI ANCHE: Sistema immunitario debole e malattie associate alla carenza di Vitamina D: ecco i principali segnali

Le Malattie Moderne