BLOG SALUTE

Università di Lille: il consumo di caffè previene il morbo do Alzheimer

Ricercatori tedeschi e francesi hanno dimostrato che la caffeina ha un effetto positivo sui depositi tau, una delle caratteristiche della malattia di Alzheimer. Essi hanno mostrato come trattare con dosi regolari di caffeina i topi allevati per sviluppare depositi di proteine tau nel cervello, rallentato il declino della memoria rispetto ai topi di controllo.
Il team ritiene che i risultati possano portare ad una nuova classe di farmaci per il trattamento della malattia di Alzheimer.
La ricerca, condotta dal Dott. Christa E. Müller dell’Università di Bonn e il Dr. David Blum dell’Università di Lille, è stata pubblicata sulla rivista Neurobiology of Aging .

La malattia di Alzheimer distrugge il metabolismo delle cellule cerebrali che alla fine, muoiono. Questo progressivo deterioramento è ciò che porta alla perdita di memoria, difficoltà con le attività quotidiane, cambiamenti di personalità e altri sintomi caratteristici della malattia.
Le due segni evidenti della malattia di Alzheimer sono i depositi di proteina tau (che intasano l’interno delle cellule cerebrali) e le placche di proteina amiloide (che intasare gli spazi tra le cellule cerebrali). Non è facile indagare lo sviluppo di queste caratteristiche nel cervello vivente e questo è il motivo per cui gli studi avvengono su topi allevati per avere condizioni simili.
Diversi studi hanno già dimostrato che una regolare assunzione di caffeina previene il declino della memoria nelle persone anziane e riduce il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Altri studi hanno dimostrato come l’assunzione di caffeina rallenta il declino della memoria nei topi allevati per sviluppare placche amiloidi. Ma fino a questa ultima ricerca, nessuno studio aveva ancora dimostrato l’effetto della caffeina sui topi allevati per imitare l’altra caratteristica del morbo di Alzheimer – i depositi di tau.
Per il loro studio, il team ha valutato l’effetto di regolare assunzione di caffeina sui topi allevati per sviluppare i depositi di tau simili a quelli osservati nell’uomo. Questi topi sono stati trattati con concentrazioni di 0,3 gr per litro, di caffeina.
Un altro gruppo di topi con depositi tau, di controllo, non è stato trattato con la caffeina.
I risultati supportano l’idea che l’assunzione di caffeina ha un effetto positivo sui depositi tau
I topi trattati con la caffeina, non hanno sviluppato i deficit di memoria spaziale, come è risultato dai controlli.La ricerca ha inoltre dimostrato che la chimica delle proteine ??tau nell’ippocampo – la sede della memoria nei roditori – era diversa nei due gruppi. Il team scrive:
“Il miglioramento della memoria è stato associato con una ridotta fosforilazione ippocampale della proteina e frammenti proteolitici”.

Inoltre, i risultati hanno dimostrato che la caffeina sembra ridurre diversi marcatori ossidativi pro-infiammatori indotti da di stress, nell’ippocampo dei topi.
I ricercatori concludono che i loro risultati supportano l’idea che l’assunzione di caffeina è utile nei topi che sviluppano deposito tau simili a quelli osservati negli esseri umani e «aprono la strada per la futura valutazione clinica”, in pazienti umani con malattia di Alzheimer.

http://www.medimagazine.it/gli-scienziati-scoprono-come-la-caffeina-scongiura-il-morbo-di-alzheimer/

Le Malattie Moderne