BLOG SALUTE

Università di Cambridge: Uso di farmaci antipsicotici causa la morte dei neuroni del cervello...

Uno studio appena pubblicato, ha confermato un legame tra farmaci antipsicotici e una lieve, ma misurabile, diminuzione del volume cerebrale nei pazienti con schizofrenia.
Per la prima volta, i ricercatori sono stati in grado di esaminare se tale diminuzione è dannosa per le funzioni cognitive dei pazienti e hanno osservato che nel corso di nove anni di follow-up, questa diminuzione non sembra avere alcun effetto.
Con l’avanzare dell’età, il nostro cervello naturalmente perde parte del suo volume – in altre parole, perde cellule cerebrali e connessioni. Questo processo, noto come atrofia, inizia in genere entro i trenta anni e continua in età avanzata.
I ricercatori sanno da tempo che i pazienti con schizofrenia perdono volume del cervello ad un ritmo più veloce di individui sani, anche se il motivo non è chiaro.
Ora, in uno studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE , un team di ricercatori dell’Università di Oulu, in Finlandia e dell’Università di Cambridge, ha individuato il tasso di diminuzione sia negli individui sani che in pazienti con schizofrenia. Essi hanno inoltre documentato in quale parte del cervello c’è più atrofia e hanno esaminato i legami tra atrofia e farmaci antipsicotici.

Confrontando le scansioni cerebrali di 33 pazienti con schizofrenia, con 71 soggetti di controllo di età 34/43 anni, per un periodo di 9 anni, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che i pazienti schizofrenici hanno perso volume del cervello ad un tasso dello 0,7% ogni anno, mentre i partecipanti di controllo hanno perso volume del cervello ad un tasso dello 0,5% annuo.
Gli scienziati hanno già ipotizzato che il farmaco antipsicotico usato per il trattamento della schizofrenia può essere collegato alla diminuzione del volume del cervello. La ricerca di oggi conferma questa associazione, dimostrando che il tasso di diminuzione del volume è maggiore quando la dose di farmaco è superiore. Tuttavia, i meccanismi alla base di questo – e se in realtà il farmaco causa questa maggiore perdita di tessuto – non è ancora chiaro. Alcuni ricercatori hanno già sostenuto che mentre i farmaci antipsicotici più vecchi potrebbe causare una diminuzione di volume del cervello, i farmaci antipsicotici più recenti possono proteggere contro queste diminuzioni. Tuttavia, oggi la ricerca suggerisce che entrambi le classi di farmaci antipsicotici sono associati con la riduzione del volume del cervello.
I ricercatori hanno indagato anche se ci fosse un legame tra la riduzione del volume del cervello e la gravità dei sintomi o perdita delle funzioni cognitive, ma non hanno trovato alcun effetto.
Il professor Juha Veijola del Dipartimento di Psichiatria presso l’Università di Oulu, Finlandia dice: “Tutti noi perdiamo un po ‘di tessuto cerebrale diventando anziani, ma le persone con schizofrenia perdono volume del cervello a un ritmo più veloce Abbiamo dimostrato che questa perdita sembra essere collegata al farmaco antipsicotico utilizzato per il trattamento del disturbo”.
“E’ risultato, durante i nove anni di follow-up che abbiamo condotto, che la perdita di volume del cervello non sembra avere alcun effetto sulle persone ed i pazienti non devono interrompere il trattamento, sulla base di questa ricerca “, aggiunge il dottor Graham Murray dell’ Istituto di Neuroscienze e del Dipartimento di Psichiatria presso l’Università di Cambridge. “Una questione chiave per il futuro sarà quello di esaminare se non vi è alcun effetto di questa perdita di volume del cervello, più tardi nella vita “.

http://www.medimagazine.it/diminuzione-volume-cervello-associata-farmaci-antipsicotici/#

Le Malattie Moderne