BLOG SALUTE

American Neurological Association; Mangiare peperoni per prevenire la malattia di Parkinson

Uno  studio, che  appare oggi in Annals of Neurology , una rivista della American Neurological Association and Child Neurology Society, suggerisce che mangiare cibi che contengono anche una piccola quantità di nicotina alimentare, come peperoni e pomodori, può ridurre il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson.

La malattia di Parkinson è un disturbo del movimento causato da una perdita di cellule cerebrali che producono dopamina. I sintomi includono  tremori del viso, mani, braccia, gambe , rigidità degli arti, perdita di equilibrio e più lento movimento complessivo.Fino a dieci milioni di persone nel mondo vivono con questa malattia secondo la Fondazione Morbo di Parkinson. Attualmente, non esiste una cura per il morbo di Parkinson, ma i sintomi sono trattati con farmaci e procedure come la stimolazione cerebrale profonda. Studi precedenti hanno dimostrato che il fumo di sigaretta e di altre forme di tabacco, comprese le piante della famiglia  Solanaceae, riduce il rischio relativo di malattia di Parkinson. Tuttavia, gli esperti non hanno confermato se i componenti della nicotina forniscono un effetto protettivo o se le persone che sviluppano la malattia di Parkinson sono semplicemente meno inclini a usare il tabacco Per il presente studio basato sulla popolazione, il  Dr. Susan Searles Nielsen e colleghi dell’Università di Washington a Seattle, hanno  reclutato 490 pazienti con nuova diagnosi di malattia di Parkinson, nella  Clinica Neurologica dell’Università o della Organizzazione sanitaria regionale, Group Health Cooperative. Altri 644 individui non imparentati senza condizioni neurologiche sono stati utilizzati come controlli. I questionari sono stati utilizzati per valutare le diete  e stili di vita e uso di tabacco dei partecipanti. I dati della ricerca  evidenziano che il consumo di verdure in generale, non ha influenzato il rischio di malattia di Parkinson, ma il consumo di solanacee commestibili, ha diminuito il rischio della condizione. “Il nostro studio è il primo a indagare la nicotina nella dieta e il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson”, ha detto il dottor Searles Nielsen. “Simile a molti studi che indicano che l’uso del tabacco potrebbe ridurre il rischio di Parkinson, i nostri risultati suggeriscono anche un effetto protettivo da nicotina, o forse una sostanza chimica simile, ma meno tossica nei peperoni .”

Gli autori raccomandano ulteriori studi per confermare ed estendere i loro risultati, che potrebbero portare a possibili interventi che impediscono la malattia di Parkinson.

http://www.medimagazine.it/mangiare-peperoni-puo-aiutare-a-prevenire-la-malattia-di-parkinson/



Le Malattie Moderne