BLOG SALUTE

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 905

Ricercatori: ecco 10 rimedi naturali per combattere i calcoli renali

I reni sono uno degli organi più importanti del corpo umano. Aiutano a disintossicarsi e filtrare le impurità dal sangue, così come i prodotti di scarto dalle urine. I calcoli renali si formano quando i reni non sono in grado di elaborare le tossine in modo efficiente. In particolare, quando una cristallizzazione di minerali non trasformati, si accumula. I calcoli renali causano dolore e l’eventuale blocco del flusso di urina. Di seguito sono elencati alcuni semplici rimedi naturali che possono aiutare a lenire il disagio dei calcoli renali e accelerare il processo di guarigione naturale del corpo. 

1. Succo di limone, olio d’oliva e Aceto di mele Questo è uno dei rimedi più efficaci per i calcoli renali e il dolore che essi provocano. Al primo sintomo, mescolare 50 gr di olio di oliva con 2 cucchiai di succo di limone .Bere tutto d’un sorso e di seguito bere un bicchiere con 250 gr di acqua purificata. Attendere 30 minuti. Poi, spremere il succo di 1/2 limone in 250 gr di acqua purificata, aggiungere 1 cucchiaio di aceto di sidro di mela e bere. Ripetere questa operazione ad ogni ora fino al miglioramento dei sintomi. 2. Uva Ursina. L’uva ursina è un rimedio popolare comune per i calcoli renali. Non solo aiuterà a combattere l’infezione nei reni, ma può anche contribuire a ridurre il dolore e pulire il tratto urinario. 500mg tre volte al giorno è la dose raccomandata per i calcoli renali. 3. Radice di tarassaco. La radice di tarassaco è un ottimo tonico e detergente per i reni. Assumere fino a 500 mg due volte al giorno può essere utile. 4. Fagioli Fagioli per i calcoli renali. La forma di questo fagiolo che simboleggia i reni, può essere indicativa del sua potenziale di guarigione. Un rimedio naturale ed efficace per combattere i calcoli renali sono tradizionalmente i baccelli di fagioli che sono stati utilizzati come tonico medicinale. Provare a rimuovere i fagioli dall’interno dei baccelli e poi bollire i baccelli in acqua calda purificata per sei ore. Questo liquido può essere filtrato attraverso un panno, raffreddato e bevuto per tutto il giorno per un giorno, per alleviare il dolore dei calcoli renali. 5. Equiseto. L’equiseto tè è un efficace rimedio naturale per i calcoli renali. Bere fino a 3-4 tazze di tè di equiseto al giorno o assumere 2 grammi di erba in forma di capsula, al giorno. 6. Succo di melograno Abbiamo tutti sentito dire che il melograno ha molti benefici per la salute. Ma, più specificamente, i semi e il succo di melograno possono essere considerati un rimedio naturale per i calcoli renali. Questo può essere correlato alla loro acidità e proprietà astringenti. E’ ottimo mangiare melograno biologico o bere succo di melograno appena spremuto. 7. Magnesio Gli studi dimostrano che le persone con calcoli renali ricorrenti che hanno assunto integratori di magnesio hanno avuto un tasso di miglioramento del 92,3 per cento nella riduzione di calcoli renali. 300 mg di magnesio è la dose raccomandata ogni giorno per la prevenzione e la riduzione dei calcoli. 8. Sedano. Sedano per i calcoli renali Il sedano in forma di ortaggio e semi di sedano, sono grandi urine-promotori e tonici renali. L’uso regolare di semi di sedano, come spezia o come un tè, può prevenire la formazione di calcoli renali. 9. Basilico Un tonificante del rene, il tè di basilico può essere assunto durante il giorno per la salute generale del rene. Se si dispone di calcoli renali, provate a prendere un cucchiaino di succo di basilico con miele grezzo al giorno, per un massimo di sei mesi. Si ritiene che i rimedi popolari con succo di basilico puro possono contribuire ad indurre l’espulsione dei calcoli dal tratto urinario. 10. Cambiamento nella dieta L’assunzione di cibo non salutare è una causa primaria di calcoli renali. Ridurre la quantità di soda e bevande energetiche. Evitare gli alimenti trasformati e bevande alcoliche. Aggiungere più frutta e verdura alla vostra dieta..

Fonte: Medi Magazine

Le Malattie Moderne