BLOG SALUTE

Ricercatori:ottime le prugne per assumere il potassio di cui abbiamo bisogno...e non solo

Ideali come spuntino, possono essere utilizzate anche per preparare ricette ideali per difendersi dai rischi della perdita di minerali con il sudore
Quando fa caldo la disidratazione non è l'unico rischio corso dalla salute. L'aumento della sudorazione porta infatti anche alla perdita di minerali preziosi per la salute, primo fra tutti il potassio importante per il normale funzionamento dei muscoli, per il controllo della pressione sanguigna e per prevenire alterazioni del sistema nervoso. Energy drink e integratori di sali non sono gli unici strumenti che permettono di reintegrarlo: anche frutta e verdura possono venire in aiuto contro gli effetti collaterali dell'estate. Ma quali scegliere?

Un ottima fonte di potassio è rappresentata dalle prugne della California, che con soli 100 grammi (corrispondenti a 8-12 prugne) permettono di introdurre ben 732 mg dei 2–4 grammi di potassio necessari per far fronte al fabbisogno giornaliero dell'organismo.

"Le prugne della California sono un alimento pratico da portare con sé, ideali dunque come snack anche estivo”, spiega la nutrizionista Evelina Flachi. Sceglierle come spuntino permette di avvicinarsi all'obiettivo delle 5 porzioni minime di frutta e verdura raccomandate dagli esperti (3 prugne secche corrispondono infatti a una porzione di frutta) e ad assumere più di un quarto della quantità giornaliera raccomandata di fibre. In particolare, secondo la Commissione Europea “le prugne secche contribuiscono al mantenimento delle normali funzioni intestinali”, purché se ne assumano 100 grammi al giorno.

Non mancano però nemmeno altri modi per introdurre le prugne nell'alimentazione quotidiana. Flachi suggerisce una ricetta per preparare una salsa da abbinare al pane o per condire pasta o riso integrale. “E' un pesto tradizionale arricchito di fibre e nutrienti forniti dalle prugne – spiega la nutrizionista – Per questo risulta gustoso e ben bilanciato per l’apporto di minerali, fibre ed antiossidanti”. Per prepararlo basta tritare con un piccolo robot da cucina 50 grammi di basilico, 15 grammi di pinoli, 1 pizzico di sale grosso, 6 cucchiai di parmigiano grattugiato e 2 cucchiai di pecorino grattugiato, 8 prugne della California tagliate molto finemente e 100 ml di olio extravergine d'oliva. Gli ingredienti vanno aggiunti uno alla volta e il pesto ottenuto deve essere lasciato riposare in frigorifero almeno un quarto d'ora, trascorso il quale è pronto per un pranzo o una cena estivi all'insegna della salute.

http://salute24.ilsole24ore.com/articles/16866-piu-potassio-in-estate-br-largo-alle-prugne-br-secche

Le Malattie Moderne