BLOG SALUTE

Rush University: la cannella per arrestare la progressione del morbo di Parkinson...

Gli scienziati della Rush University Medical Center hanno scoperto che utilizzando la cannella, una spezia alimentare comune e aromatizzante, si possono invertire le modifiche biomeccaniche, cellulari e anatomiche che si verificano nel cervello dei topi affetti dal morbo di Parkinson (PD).

I risultati dello studio sono stati pubblicati il 20 giugno sul Journal of Pharmacology Neuroimmune
La cannella è ampiamente utilizzata come spezia in tutto il mondo, da secoli”, ha detto Kalipada Pahan, PhD, ricercatore principale dello studio e professore della Rush University.” E potrebbe essere uno dei rimedi più sicuri per fermare la progressione della malattia, nei pazienti con Parkinson”.
“La cannella viene metabolizzata nel fegato in benzoato di sodio che è un farmaco approvato dalla FDA usato nel trattamento di difetti metabolici epatici associati a iperammoniemia”, ha detto Pahan. E ‘anche ampiamente usatao come conservante alimentare grazie al suo effetto microbicida”.

La cannella cinese (Cinnamonum cassia) e la cannella di Ceylon (Cinnamonum verum) sono due tipi principali di cannella che sono disponibili negli Stati Uniti.
“Sebbene entrambi i tipi di cannella sono metabolizzati in benzoato di sodio, mediante analisi di spettrometria di massa, abbiamo visto che la cannella di Ceylon è molto più pura della cannella cinese in quanto quest’ultima contiene cumarina, una molecola epatotossica”, ha detto Pahan.
“Capire come funziona la malattia è importante per lo sviluppo di farmaci efficaci che proteggono il cervello e ne arrestano progressione”, ha aggiunto Pahan. ” È noto che alcune proteine importanti come Parkin e DJ-1 diminuisono nel cervello dei pazienti parkinsoniani”.
Dallo studio è emerso che, dopo l’assunzione orale, la cannella in polvere viene metabolizzata in benzoato di sodio, che entra poi nel cervello e blocca la perdita di Parkin e DJ-1, protegge i neuroni, normalizza i livelli del neurotrasmettitori e migliora le funzioni motorie nei topi con malattia di Parkinson.
Questa ricerca è stata sostenuta da sovvenzioni dal National Institutes of Health.
“Ora abbiamo bisogno di tradurre questa scoperta in clinica per sperimentare gli effetti positivi della cannella in polvere sui pazienti con malattia di Parkinson. Se questi risultati saranno replicati, potrebbero aprire la strada ad un nuovo trattamento di questa malattia neurodegenerativa devastante “, ha detto il dottor Pahan.
Il morbo di Parkinson è una malattia lentamente progressiva che colpisce una piccola area delle cellule all’interno del cervello medio nota come substantia nigra.La degenerazione progressiva di queste cellule causa una riduzione in un vitale neurotrasmettitore, la dopamina. La causa della malattia è sconosciuta. Entrambe le cause ambientali e genetiche della malattia sono state postulat.

Il morbo di Parkinson colpisce circa 1,2 milioni di pazienti negli Stati Uniti e in Canada.Anche se il 15 per cento dei pazienti sono diagnosticati prima dei 50 anni, è generalmente considerata una malattia che colpisce gli adulti più anziani e che colpisce uno ogni 100 persone di età superiore ai 60 anni. Questa malattia sembra essere leggermente più comune negli uomini rispetto alle donne.

http://www.medimagazine.it/cannella-puo-arrestare-progressione-morbo-parkinson/

Le Malattie Moderne