BLOG SALUTE

Vitamina C: rafforza il sistema immunitario e combatte virus e malanni di stagione

Un concentrato di proprietà nutritive benefiche per il nostro organismo, soprattutto nei mesi freddi, aiutano il nostro sistema immunitario a difendersi e a tenere alla larga i virus del momento e i malanni di stagione. Dalla tosse al raffreddore, dai dolori articolari agli altri disturbi. L’inverno è per eccellenza la stagione dei malesseri e le cause principali sono quasi sempre gli sbalzi improvvisi di temperatura, dovuti al transito da ambienti caldi a quelli, freddi o umidi, che rendono l’organismo estremamente vulnerabile. Ecco come rafforzare le difese dell’organismo e ridurre al minimo i rischi.

I poteri della Vitamina C contro i Virus

Inoltre, la vitamina C, vanta poteri antiossidanti e rafforza il sistema immunitario, ancor di più in questo momento particolare. Questa sostanza è in grado di combattere i radicali liberi e di prevenire i danni cellulari, oltre a essere una preziosa fonte di fibre, in grado di regolare la funzionalità intestinale e contrastare il colesterolo. E poiché la vitamina C non viene accumulata dall’organismo, va assunta regolarmente con l’alimentazione. Ebbene si, un aiuto al sistema immunitario può arrivare anche dall’alimentazione, quindi dall’integrazione. Ci sono infatti cibi che per le sostanze contenute contribuiscono ad alzare le difese o ne favoriscono un più veloce recupero, ma non sono sempre sufficienti e per questo integrare diventa fondamentale.

Integrare la Vitamina C è importante

«L’acido ascorbico rimane la migliore arma di prevenzione naturale contro i malanni influenzali», informa Paola Genovese, medico specialista in scienza dell’alimentazione all’ICLAS – Istituto Clinico Ligure di alta specialità di Rapallo. «La prima fonte di questa preziosa sostanza è la frutta – aggiunge l’esperta - tra quella di stagione, kiwi e papaya rappresentano ottime scelte (ne contengono tra i 50 e i 100 mg ogni 100 g) e poi ci sono ovviamente gli agrumi (arance, mandarini, mandaranci, pompelmi e limoni), che ne assicurano una dose inferiore (30-50 mg ogni 100 g), ma hanno dato il vantaggio di poter essere tenuti in borsa per dare spazio nella dieta a broccoli e cavolini di Bruxelles (60 mg di vitamina C ogni 100 g di prodotto cotto), oltre che a spinaci, songino e tarassaco crudi (40 mg ogni 100 g di prodotto crudo)». Essendo vulnerabile alle alte temperature e molto sensibile alle variazioni termiche, come tutte le vitamine termolabili, non resiste al calore, per cui le caratteristiche rimangono inalterate solo se i cibi vengono consumati crudi (o comunque poco cotti) o al massimo cotti al vapore. Quindi, per preservarla al meglio, l’ideale sarebbe evitare le cotture prolungate.

Il limone, ricco di acido ascorbico è utilizzato, per il trattamento dell’acne oltre che come astringente, diuretico e per favorire la sudorazione. E gli agrumi sono ingredienti perfetti per un gran numero di piatti quali, ad esempio, l’insalata invernale, un mix di radicchio, sedano, finocchio, rape e arance, il tutto arricchito da senape dolce e mandorle tostate, tagliate a lamelle. Chi ama i sapori esotici può provare il misto di lattughe con avocado e mandarini: le due tipologie di lattughe, quella romana e quella cappuccia, si sposano in un connubio perfetto col dolce sapore di mandarini e avocado. E dulcis in fundo: la salsa, preparata con senape, olio, sale e pepe. Un altro abbinamento di sapori da gustare è infatti quello tra carciofi, olive snocciolate e limone, tagliato a fettine sottilissime, il tutto, insaporito da aglio e timo.

Le ricerche sulla Vitamina C

E pare proprio che, dalla sua scoperta, nel 1937 ad opera dell’ungherese Albert Szent-Gyorgyi, come si legge anche nel libro di Adriano Panzironi, Vivere 120 anni – Le ricerche, sia «fondamentale per la formazione del collagene (tessuto connettivo di pelle, ossa e legamenti) permette di migliorare la fase anabolica del nostro corpo, mantenendo il giusto equilibrio della fase catabolica. Diversi i riconoscimenti ricevuti, dalla stessa, per la sua funzione antisclerotizzante. In primis, brucia le concentrazioni di grassi che si depositano sulle pareti delle vene e, nel contempo, partecipa alla riparazione dell’epitelio interno delle arterie, impedendo la riformazione antisclerotica. Inoltre, previene la formazione delle nitrosammine (cancerogene), derivanti da nitrati a nitriti, protegge dalla tossicità delle clorammine (sostanze aggiunte nell’acqua al posto del cloro) e dai gas di inquinamento, proteggendo le cellule dei polmoni dall’ossidazione. Tre studiosi dell’Università di Roma hanno verificato che tale vitamina rallenta la crescita dei melanomi, inibendo lo sviluppo dei neuroblastomi e dei gliomi. Inoltre, la vitamina C è utilizzata come ansiolitico e nel trattamento di schizofrenia, depressione e paranoia».

Quindi, non solo per combattere i malanni stagionali, ma tra le innumerevoli proprietà della vitamina C anche la sua capacità di contrastare invecchiamento, Alzheimer e malattie della pelle oltre alla sua efficacia nel trattamento del dolore come analgesico naturale e alla protezione svolta nei confronti del cervello nei disturbi neurodegenerativi.
Per cui una buona integrazione di Vitamina C è fondamentale.

Riproduzione riservata © copyright Life 120

 Storia e segreti della VITAMINA C nella prevenzione di tante malattie

Vitamina C, un concentrato di proprietà e benefici

Le Malattie Moderne